Il modello 70:20:10 che cos'è e come si applica all'eLearning

Il Modello 70:20:10 che cos’è e come si applica all’eLearning

4 min di lettura

La teoria dell’apprendimento basata sul modello 70:20:10 può essere utile ai progettisti di corsi eLearning e a tutte le aziende che intendono avvalersene. I professionisti della progettazione di corsi eLearning sono sempre alla ricerca di modi per migliorare l’efficienza delle esperienze di apprendimento: questo è ancora più vero quando si tratta di formazione aziendale, dove dipendenti e collaboratori aggiornati e adeguatamente formati, possono fare effettivamente la differenza.

Che cos’è il modello 70:20:10 per l’apprendimento?

Il modello 70:20:10, elaborato nella seconda metà degli ’80 e definito in maniera più formale negli anni ’90 [1], è frutto di una estensiva intervista proposta a circa 200 manager in merito alla propria formazione [2] . Gli autori dell’indagine elaborarono il modello sulla base delle risposte ricevute dai manager da cui emerse che:

  • il 70% della propria conoscenza derivava dall’esperienza sul posto di lavoro (apprendimento informalelearning in the workplace);
  • il 20% dall’interazione con gli altri (apprendimento socialelearner-to-learner feedback);
  • il 10% da momenti di formazione strutturati (apprendimento formalestructured learning).

Come può dunque l’eLearning rappresentare un’implementazione di tale modello?
Un sistema di apprendimento mediato da una piattaforma digitale può presidiare efficacemente tutti questi 3 aspetti: vediamoli nel dettaglio.

eLearning e il 70% del modello

Questa ampia fetta della formazione comporta che i dipendenti facciano riferimento a materiale formativo valido, facilmente accessibile, mentre stanno lavorando (experience on the job). Come migliorare questo aspetto?

I moduli eLearning devono essere facilmente rintracciabili e, per questo, scomposti in moduli più piccoli, in modo da consentire a coloro che li hanno completati di accedervi facilmente e in completa autonomia, mentre svolgono il proprio lavoro.
Occorre quindi verificare che i tuoi dipendenti abbiano gli strumenti giusti per accedere ai materiali per loro importanti, al momento giusto e indipendentemente da dove si trovano (che siano seduti alla scrivania, oppure in trasferta per effettuare una importante presentazione ad un cliente).
Innanzitutto è bene avere a disposizione strumenti opportuni di gestione dell’apprendimento (supporto al monitoraggio dei corsi e all’analisi dei dati di partecipazione ai vari moduli). Si può inoltre ottenere un ulteriore vantaggio dopo aver reso disponibili tali risorse formative – e relativi strumenti di verifica – su dispositivi mobili. In questo modo permettete ai vostri dipendenti di imparare a sviluppare le competenze, ad un ritmo efficiente, sul luogo di lavoro ovunque si trovino, anche in mobilità.

eLearning e il 20% del modello

È importante che i manager della formazione utilizzino l’eLearning per promuovere una cultura dell’apprendimento sociale proattivo e un approccio allo sviluppo personale. Le piattaforme di formazione digitale sono uno strumento ideale per sostenere e incoraggiare l’apprendimento sociale sul posto di lavoro.

Affinché l’apprendimento sia realmente efficace, i dipendenti non solo devono dedicare tempo alla formazione per conto proprio, ma anche utilizzare le caratteristiche sociali delle piattaforme di formazione digitale per accedere a un ambiente di comunicazione aperta ed efficiente e di coesione di gruppo.

È essenziale che i responsabili dell’apprendimento prendano in considerazione piattaforme di Digital Learning che incoraggino la collaborazione attraverso caratteristiche tipiche dei social media consentendo agli studenti, ad esempio, la condivisione dei risultati personali, oltre a raccomandare materiali didattici ad amici e colleghi. Si tratta di un approccio all’apprendimento sociale più efficiente in termini di costi e di tempo rispetto al lavoro di gruppo formale in classe.

eLearning e il 10% del modello

L’ultimo 10% del modello rappresenta l’apprendimento formale, che si svolge in modo strutturato: questa percentuale così bassa non deve indurre a pensare che non ci dovrebbe essere alcuna formazione di questo tipo, ma suggerisce piuttosto una maggiore attenzione alla qualità che alla quantità.

Utilizzato per migliorare le prestazioni dei dipendenti attraverso una formazione orientata agli obiettivi, integra i metodi di apprendimento esperienziale e sociale, ed è ideale per stabilire le conoscenze di base per un determinato dominio di conoscenza.

L’apprendimento formale comprende sia la formazione d’aula face-to-face (tutorial, seminari, workshop e presentazioni di gruppo in un unico luogo) sia quella online, erogata attraverso un Learning Management System (LMS) capace di fornire formazione in un’ampia gamma di formati, dai corsi basati su video-lezioni ai webinar. Il team di lavoro può imparare al proprio ritmo, ovunque si trovi, e i responsabili della formazione aziendale possono facilmente monitorare i progressi della formazione per misurare l’impatto dei programmi della formazione sulle prestazioni della forza lavoro.

Per approfondire: https://www.emathe.it/digital-learning-per-le-aziende-uno-sguardo-da-vicino/

emathe - infografica: il modello 70:20:10 che cos'è e come si applica all'eLearning

Fonti

  1. Centre for Creative Leadership
  2. Lombardo, Michael M; Eichinger, Robert W (1996). The Career Architect Development Planner (1st ed.). Minneapolis: Lominger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Table of Content